ISTOBAL riduce di un 94% la presenza di idrocarburi nell’acqua dopo il processo di lavaggio

By 22 marzo, 2017NOTIZIE

ISTOBAL riduce di un 94% la presenza di idrocarburi nell’acqua risultante dal processo di lavaggio mediante le sue tecnologie di separazione e ritenzione.

Nel suo costante impegno per iniziative come la Giornata Mondiale dell’Acqua, la ditta spagnola è pioniera nello sviluppo di soluzioni di lavaggio sostenibili che riducono l’impatto ambientale, oltre a diminuire il consumo di acqua, energia e prodotti chimici.

Con il separatore di idrocarburi per il lavaggio di veicoli, ISTOBAL ottiene la ritenzione degli idrocarburi provenienti dal combustibile e dai motori dei veicoli, evitando che contaminino l’acqua risultante dal processo di lavaggio. Un impianto con cui, inoltre, riesce a riutilizzare l’acqua per nuovi lavaggi di veicoli.

Dalla ISTOBAL sottolineano l’importanza di evitare l’uso o lo scarico dell’acqua non trattata nei processi di lavaggio per l’industria automobilistica giacché un litro di idrocarburi contamina 1.000 m3 d’acqua (l’equivalente a una piscina olimpionica) o 400 m2 di terreno (come un campo di calcio).

Il separatore di idrocarburi di ISTOBAL è certificato dalla norma europea EN 858, DIN 1999 come Classe I. Così, questa tecnologia, disponibile per tutti i suoi impianti di lavaggio,  garantisce una qualità dell’effluente minore a 5 ppm (parti per milione), non solo rispettando la normativa europea sugli scarichi adatti alla rete fognaria, ma superando perfino, in molti casi, il rendimento di eliminazione.

ISTOBAL, impegnata per una gestione responsabile dell’acqua

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, che quest’anno incentra l’attenzione sulla problematica delle acque reflue, ISTOBAL raccomanda l’uso di separatori di idrocarburi, dosaggi adeguati di prodotto chimico, e l’impiego di degradatori di detergenti.

Per l’impresa spagnola, un’installazione di lavaggio rispettosa dell’ambiente deve avere installati anche sistemi, biologici o fisici, di riciclaggio dell’acqua di lavaggio per il suo riutilizzo.

Inoltre, consiglia di realizzare il lavaggio dei veicoli presso installazioni adeguate a tale scopo, per non arrecare pregiudizio all’ambiente, e di non versare oli, né pulire i motori, nelle piste di lavaggio.

Pioniera nello sviluppo di tecnologie che riducono il consumo di acqua e energia.

Nel suo impegno ambientale, la compagnia è riuscita a diminuire di un 45% il consumo dell’acqua nei suoi impianti automatici di lavaggio industriale, superando la fase di lavaggio più critica per il consumo dell’acqua aumentandone la pressione.

I suoi portali di lavaggio di ultima generazione diminuiscono l’uso dell’acqua di un 40% rispetto ai precedenti, grazie, tra le altre cose, ai nuovi materiali utilizzati nelle spazzole, che assorbono meno acqua, e grazie anche a una migliore ridistribuzione del circuito di circolazione dell’acqua.

Inoltre, la compagnia è anche riuscita a ridurre di un 33% il consumo dell’acqua nelle sue piste di lavaggio, con un funzionamento a bassa pressione e bassa portata in determinati programmi. ISTOBAL dispone anche di innovativi sistemi di riciclaggio con cui riutilizza fino a un 85% l’acqua impiegata in ciascun lavaggio.

Inoltre, nella sua linea di prodotti chimici esens®, l’azienda spagnola ha ottenuto l’etichetta ecologica dei paesi nordici Swan Ecolabel per il rispetto all’ambiente, una delle certificazioni in sostenibilità più importanti ed esigenti a livello mondiale.