EL MUNDO Innovadores si interessa dei prodotti Smartflow e LaserControl

By 23 Septiembre, 2013Sin categoría
Il supplemento INNOVADORES del giornale EL MUNDO, che esce tutti i lunedì, conosciuto per pubblicare notizie di qualsiasi settore della scienza, della tecnologia o dell’industria che siano realmente innovatrici, si è interessato nuovamente all’Innovazione presentata da ISTOBAL. La pubblicazione specializzata spiega in un reportage i vantaggi di Smartflow e di LaserControl, novità presentate, entrambe, nel 2013 alle diverse fiere nazionali e internazionali a cui partecipa l’impresa e per le quali è stata anche premiata. Testo completo del reportage pubblicato: Istobal risparmia un 50% di energia lavando l’auto con turbine rette >INDUSTRIA / L’impresa valenziana migliora anche la sicurezza dei portali di lavaggio automatico con un sensore laser più preciso e affidabile. Istobal ha appena presentato un nuovo sistema d’asciugatura per portali di lavaggio che riduce di un 53% il consumo elettrico e diminuisce di 10 decibel il livello sonoro. L’impresa valenziana ha adattato al proprio settore una tecnologia assai abituale in altre applicazioni come le pompe d’acqua o i sistemi di refrigerazione. Si tratta del crossflow, che sostituisce le attuali turbine centrifughe con altre longitudinali. La compagnia ha anche presentato un sensore laser a distanza che permette di misurare «in ogni momento» la posizione esatta della macchina di lavaggio automatico sulla pista. Raggi laser e turbine rette per risparmiare nel lavaggio dell’auto Istobal riduce di un 53% il consumo elettrico nell’asciugatura dei veicoli e migliora la sicurezza di queste macchine con un sensore più preciso e affidabile. Pulire l’auto non è mai stato così facile. I nuovi portali di lavaggio semplificano al massimo questa operazione. Tuttavia, il mercato è esigente e le macchine devono essere adattate alle esigenze della società attuale. Accettando le sfide dell’industria, Istobal ha lanciato quest’anno due tecnologie che perseguono il risparmio, la sicurezza e la sostenibilità. Come? Con l’introduzione di sensori laser e applicando un design di turbine per l’asciugatura che non era mai stato utilizzato in questo settore. L’industria del petrolio esige «sempre di più» maggiore efficienza. L’impresa con sede a L’Alcudia (Valencia) ha appena presentato il suo nuovo sistema d’asciugatura per portali di lavaggio Smartflow che riduce di un 53% il consumo elettrico e diminuisce di 10 decibel il livello sonoro. Istobal ha adattato al proprio settore una tecnologia assai abituale in altre applicazioni come le pompe d’acqua o i sistemi di refrigerazione. Si tratta del concetto cross-flow, che sostituisce le attuali turbine centrifughe con altre longitudinali. Lo speciale design di questa asciugatura offre «numerosi» vantaggi rispetto a quelli ottenuti attualmente nelle asciugature convenzionali dei portali di lavaggio. Nelle turbine tangenziali, l’immissione dell’aria «si realizza lungo tutta la sua lunghezza perché forma una linea piana», spiega il responsabile di produzione dei portali e dei tunnel di lavaggio, Carlos Valls. In questo modo si ottiene «un grande volume d’aria con un minimo consumo energetico». Il flusso d’aria immesso è quindi deviato in un angolo a 90º e viene accelerato dal vortice, ottenendo così una «lamina uniforme d’aria senza perdita di pressione alle estremità», afferma Valls. I sistemi centrifughi, d’altra parte, hanno bisogno di due motori (uno per ciascuna turbina), mentre quello tangenziale funziona soltanto con uno. Tutto ciò si traduce in un risparmio di consumo elettrico di almeno un 53% rispetto a un’asciugatura convenzionale, conservando allo stesso tempo «gli elevati standard di qualità richiesti in questa fase». E questo non è tutto. La nuova tecnologia permette di diminuire di fino a 10 decibel il livello sonoro della macchina durante l’asciugatura, che costituisce la fase più rumorosa del lavaggio delle auto. Questo progetto ha rappresentato una grande sfida tecnologica per Istobal giacché queste turbine tangenziali non erano mai state impiegate per l’asciugatura nei portali di lavaggio. A tal fine, la squadra di R&S ha dovuto realizzare prove con differenti tipi di involucro per ottenere la portata d’aria appropriata e il consumo energetico esatto per conseguire una «buona asciugatura». La seconda recente novità dell’impresa valenziana riguarda la sicurezza ed è stata riconosciuta con il Premio all’Innovazione della fiera Motortec Automechanika Iberica 2013, celebratasi nel mese di marzo a Madrid. LaserControl è un nuovo sensore a distanza che permette di misurare «in ogni momento» la posizione esatta della macchina di lavaggio automatico sulla pista. Il dispositivo «emette un fascio di luce laser contro un materiale riflettente collocato su una parete o una colonnina alla fine della pista di lavaggio», spiega Valls. Questa superficie piana riflettente restituisce il segnale al laser per ottenere in ogni momento la distanza «esatta» tra essi. La maggior parte dei sistemi di lavaggio impiega sensori induttivi che rilevano il metallo nei fine corsa di principio e fine pista e nell’encoder della ruota del portale. «In questi posti vi è un notevole accumulo di sporcizia e possono pertanto provocare false letture», aggiunge il responsabile del progetto. LaserControl sostituisce questi elementi con un sensore laser che riduce «considerevolmente» il tasso di errore, giacché opera con un margine di errore di 1 millimetro rispetto ai 25 mm. degli attuali sensori induttivi. Acqua riciclata Un’altra delle priorità di Istobal è ottimizzare il consumo d’acqua delle proprie macchine. I suoi portali di lavaggio possono funzionare con acqua pulita o riciclata. Un’altra forma di risparmio è l’uso di spazzole che necessitano meno acqua per lavare bene la superficie del veicolo. Un esempio di questo caso è la gamma di spazzole Link-it, di cui INNOVADORES si occupò già l’anno scorso.